Home > Famiglia e Bambini > Bambini > Le marionette sull’acqua ad Hanoi

Per questo speciale aggiornamento sui bambini in espatrio, vogliamo riproporvi un articolo che risale agli albori di Expatclic, ma che, opportunamente aggiornato, è sempre valido per chi espatria con dei bambini e vuole avvicinarsi alla cultura vietnamita attraverso le sue affascinanti tradizioni. Paolaexpat è stata con noi un paio d’anni all’inizio dell’avventura Expatclic, quando risiedeva ad Hanoi. Oggi Paola vive negli Stati Uniti, e si mantiene in stretto contatto con noi.

Il team di Expatclic
Settembre 2012
C’è uno spettacolo molto bello per i bambini (ma anche per gli adulti) ad Hanoi, in Vietnam: quello delle marionette sull’acqua. Ce ne parla Paolaexpat.

Foto di QTLuong – terragalleria.com

Waterpuppet3Care amiche, se avete letto la mia presentazione sul Vietnam vi sarete forse fatte una vaga idea del clima che c’è: umido. Ma non basta, i vietnamiti stanno proprio bene nell’acqua al punto che pure le marionette, che tutti nel mondo presentano nei teatrini, loro le presentano nell’acqua!
Non sto parlando di un’idea moderna tanto per attirare i turisti, neanche un po’, questa è proprio una tradizione popolare vietnamita.
Ad Hanoi, in centro, su Hoan Kiem Lake si affaccia un teatro attrezzato esclusivamente per gli spettacoli con le marionette sull’acqua. Potete inoltre vederle al Museo Etnologico quasi ogni domenica e qui ogni mese cambiano gli spettacoli, perché vengono rappresentati da compagnie di diverse regioni, ognuna con la propria tradizione.

Vi spiego un po’ come funziona: il palco è giusto davanti a voi, ma in basso. E sul palco c’è… ma l’acqua, è chiaro! In fondo al palco c’è il tendone rosso e da lì dietro le marionette vengono mosse attraverso dei fili di ferro che stanno sotto l’acqua. In questo modo si vedono spuntare delle marionette che sembra camminino sull’acqua.

Waterpuppet6Le storie sono semplici e ruotano solitamente intorno a principesse, rapimenti, amori e tanti, tanti combattimenti. Un elemento tipico della cultura asiatica è il dragone e allora ecco grandi lotte tra dragoni sputafuoco che si fronteggiano sopra e sotto l’acqua. Per fare il fuoco buttano in acqua un po’ di petardi e così l’effetto caos è assicurato.
Intanto i cantastorie continuano a raccontare, i musicisti li accompagnano con tamburi e tamburelli e il pubblico viene incitato a partecipare con urla e fischi e a fare il tifo per l’uno o l’altro dei personaggi.
Ne uscirete un po’ assordati e forse un po’ spruzzati, ma è bello e divertente e ai bimbi piace un sacco.
Xin chao – Ciao
Paolaexpat
Waterpuppet5Cinzia, un’italiana che ha vissuto a lungo in Vietnam tempo fa, ci manda questo commento:

“Posso dire che lo spettacolo delle marionette sull’acqua mi è piaciuto molto proprio per la sua ingenuità e per la semplicità del racconto, che riguardava comunque la pesca, la famiglia tipicamente Vietnamita, le risaie e poi i draghi etc… Inoltre mi era piaciuto molto l’accompagnamento musicale dei musicisti dal vivo e della cantante. E’ molto bello anche scoprire l’uso del colore dei burattini. Si scopre solo alla fine dello spettacolo la tecnica usata nel muovere i burattini…in quanto le marionette sono mosse dai burattinai immersi nell’acqua. Inoltre ci sono effetti speciali con fuochi d’artificio semplici”.

Per saperne di più: http://www.thanglongwaterpuppet.org/

Articolo di Paolaexpat
Hanoi
Febbraio 2005

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 13 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.