Home > Vita d'Expat > Lavoro > L’Europass Passaporto delle Lingue

A volte si trovano le cose più interessanti nei modi più bizzarri. Questa cosa che ho scoperto mi è stata segnalata dalla nostra cara Elena (ex Lenaexpat) che l’ha trovata aiutandomi a cercare tutt’altro. Le e mi è parsa molto interessante, e la condivido dunque con voi, nel caso non ne foste a conoscenza.

Claudiaexpat
Gerusalemme
Gennaio 2011

Nel 1998 il Consiglio d’Europa ha istituito il Portafoglio Europeo delle Lingue, uno strumento creato per favorire la diffusione del plurilinguismo e del pluriculturalismo. L’Europass Passaporto delle Lingue (che chiamerò d’ora in poi ELP,European Language Passport) è stato creato dal Portafoglio Europeo delle Lingue con l’intento di dare al singolo la possibilità di produrre un documento che contiene in maniera organizzata tutto quello che riguarda le proprie competenze linguistiche, che naturalmente, soprattutto per noi espatriate, vanno evoluendo nel corso del nostro cammino. Nella pratica l’ELP è un documento che si autocrea nel momento in cui voi compilate una serie di campi relativi alla vostra storia linguistica. Potete farlo da sole o con l’aiuto di un coach sulla carriera, che vi orienterà nelle scelte più adeguate di compilazione e in che cosa far risaltare secondo i vostri scopi. La compilazione infatti offre un’ampia gamma di possibilità, nel senso che avete molti campi nel quali potete inserire anche un po’ di testo e dove specificate in maniera piuttosto dettagliata quella che è stata la vostra esperienza rispetto a una determinata lingua.

Incuriosita, sono andata sul sito dell’ELP (http://www.europass-italia.it) e ho provato a compilare il mio passaporto linguistico per voi. Ecco i vari passi:

– cliccate sulla voce che dice “Crea il tuo Europass”

– vi si apre una schermata in inglese che vi avvisa di alcune cose. Una, importante, è che il vostro Europass non verrà salvato sul sito. Una volta che l’avrete compilato e/o stampato, non c’è modo di salvarlo sul sito Europass. Dovete quindi salvarlo sul vostro computer, e nel caso la vostra storia linguistica si arricchisca di nuovi corsi, certificati o esperienze, e abbiate bisogno di un altro ELP, dovete rientrare e ricompilare tutto da capo. Questo può diventare un po’ laborioso nel caso parliate molte lingue e abbiate una storia ricca di esperienze professionali e di vita, ma potrebbe valerne comunque la pena. In questa sezione vi vengono anche fornite tre regole d’oro per la compilazione/stampa del vostro passaporto:
1) attenetevi alla struttura suggerita dal sito web
2) siate chiare, concise e realiste
3) controllate bene il vostro passaporto prima di stamparlo.

– cliccate sulla frecciolina “Start Now” e cominciate a compilare. Potete inserire una lingua alla volta e tornare a editarla o a completarne i campi più tardi, oppure inserire tutti i dati riguardanti quella lingua subito, e salvarla. I campi da completare riguardano il vostro livello di conoscenza della lingua (scritta e orale), i diplomi o certificati che avete ottenuto per tale lingua, le vostre esperienze linguistiche. Per queste due ultime categorie potete inserire quanti dati volete (più di un cerfiticato, più di un’esperienza). Vi basta salvare di volta in volta l’esperienza o il diploma menzionato, e compilare un nuovo campo. Tutti i dati inseriti sono riassunti sotto a ogni tema, e potete cambiarli cliccandoci sopra. Una volta che avete inserito più lingue, potete tornare a modificarle una per una cliccando sul tasto “Back to List”.

Attenzione: nel definire il vostro livello di conoscenza linguistica (orale, scritta, etc.) vi viene richiesto di esprimervi secondo i livelli europei. Qui trovate il quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue.

– quando avrete terminato di inserire tutti i vostri dati, cliccate sulla freccia che vi porta avanti, e vi appare questa schermata:

elp

Cliccate su Preview per vedere come apparirà il vosto ELP, poi potete scaricarvelo sul computer o inviarvelo via mail. Questo è il prodotto finale:

elp claudia

L’ELP non ha valore legale, ma è utile per presentare il vostro percorso linguistico in maniera pulita e organizzata. Potete prepararlo per dei colloqui di lavoro, allegandogli i certificati che avete man mano conseguito. Con la diffusione dei corsi linguistici online tramite Skype, capita spesso di progredire in una determinata lingua, senza però che ci venga rilasciato un attestato corrispettivo. L’ELP può dare un’aura più professionale e solida a questo tipo di esperienze.