Home > Europa > Bulgaria > Natale in Bulgaria

Foto principale ©Edal Anton Lefterov

Trovo che vivere in un paese straniero rinforzi la sensazione di appartenenza alla propria cultura di origine. Io sono lontana dal mio paese, la Bulgaria, da più di 14 anni, e in alcuni periodi dell’anno sento davvero un forte bisogno di essere a casa, tra parenti e amici.

Nei miei ricordi la Vigilia di Natale è sempre legata a una riunione famigliare e a una cena speciale che prepariamo. Il 24 dicembre è la fine del digiuno nella tradizione ortodossa, e tutti i piatti che vengono serviti devono essere senza carne. Ricordo mia madre che cominciava a preparare da mangiare fin dal mattino . – sarmi (foglie di cavolo ripiene di riso), peperoni ripieni, ushaf (preparati con frutta secca bollita), fagioli. Il giorno di festa, sulla tavola bisognerebbe mettere anche aglio, nocciole e miele (che simbolizza la fertilità).

Natale Bulgaria3Ma il momento più atteso da tutti è quando si distribuisce il pane speciale tra i membri della famiglia. Il pane contiene una piccola moneta. Secondo la tradizione, chi trova la monetà sarà il più fortunato/a della famiglia durante l’anno in arrivo. Cominciamo la cena passando in tutte le stanze della casa con dell’incenso.

In questo modo si dice che gli spiriti maligni vengono allontanati. La vecchia tradizione richiede che la tavola rimanga imbandita fino al mattino seguente. La credenza è che durante la notte gli spiriti dei morti della famiglia verranno a visitare la casa.

Natale Bulgaria5Anche il 1° gennaio si festeggia in maniera speciale. Molti giorni prima di Capodanno i bambini decorano il ramo di un albero, e questa decorazione si chiama “surovacka”. Al mattino presto i bambini vanno incontro ai genitori con una canzone che augura loro un anno prospero. Cantano colpendo leggermente la persona sulla schiena con la loro “surovacka”. In cambio i bambini ricevono un po’ di soldi.

 

Redazione: Dima

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 13 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.