Home > Asia > Jordan > Natale in Giordania

Bibi, una espatriata somala che vive in Giordania, ha intervistato due famiglie su come trascorrono il Natale in Giordania.

Ecco ciò che le due famiglie hanno in comune:

Decorano la casa e l’albero di Natale, e ci mettono sotto i regali. Preparano vari tipi di dolci. Cominciano a preparare la torta di Natale all’inizio di dicembre, mettendo a bagno la frutta secca nel brandy, rum e cognac; la pasta è fatta con farina, uova e lievito. La torta viene servita alla Vigilia.

Famiglia n. 1 – Tradizionale

Festeggiano il 24 dicembre, con una cena intorno alle 19:30. Dopo cena vanno in chiesa, per la messa che dura un’ora.

La cena consiste di: tacchino ripieno, pollo ripieno per chi non ama il tacchino, purea di patate, sugo della carne, e alcuni piatti arabi come i Mahshi (zucchine ripiene), foglie di vite cucinate in salsa di pomodoro, Kibeh (carne trita soffice, mista a burgul e fatta a polpettine, che vengono fritte). Preparano anche insalate come il Tabuleh, l’Humus, fatto di purea di ceci mista a yogurt, aglio, limone e Tahina (purea di sesamo), Mutabli (melanzane grigliate e poi schiacciate e mischiate con aglio, Tahina, yogurt, sale e pepe).

Il 25 si festeggia a casa dei più anziani (i nonni) con un pranzo di Natale, che consiste di tutti i cibi della cena precedente, cibo arabo e insalate, ma con vitello invece del tacchino.

Dal pomeriggio del 25 al 28 dicembre, è il momento delle visite: gli amici vanno a trovarsi portando cioccolato e caramelle, e tutta la famiglia va a visitare amici e parenti.

Famiglia n. 2 – Moderna

Festeggiano il 24 dicembre, la cena inizia verso le 20:30 e dura fino a tardi. La famiglia cucina tutto il giorno, e smette verso le 17:00, per prepararsi a uscire. Ma invece di andare in chiesa, andranno in uno degli hotel a cinque stelle ad ascoltare i canti di Natale.

La loro cena consiste di: tacchino ripieno, salsa di mirtilli, Kibeh, torta di zucchine. Il menù di questa famiglia non comprende le insalate arabe; scelgono piuttosto insalate greche, spaghetti al pollo fritto, e altri piatti occidentali.

Il 25, al pranzo dai nonni, il menù sarà come quello classico, cibo e insalate arabe, la gamba di un vitello accompagnata da Safiha (speci di pizzette con carne trita in cima). Anche questa famiglia, a partire dal 25 in poi, andrà in visita da amici e parenti, scambiando cioccolata.

Dolci: la torta di Natale, il cioccolato e le caramelle si servono dal 24 al 26 dicembre.