Home > Asia > Pakistan > Tagli di corrente in Pakistan, una situazione intollerabile
power cuts

Oggi Carolexpat apre la finestra sul suo paese d’accoglienza e ci racconta dei tagli di corrente in Pakistan e dei disagi che questi generano.

Realtà sul terreno, uscire dalla propria zona di comfort: affrontare certe realtà del paese ospitante non è sempre facile per le comunità espatriate.
Chi riesce a farlo sviluppa una forte empatia nei confronti delle popolazioni locali e la sua visione della vita cambia completamente dopo un’esperienza simile.
Da expat è a volte difficile, a seconda del paese, capire come vivono le persone, i loro problemi e creare circoli di conoscenza e amicizie perhcè la barriera culturale è spesso presente.

 

Fermiamoci a pensare a come vivono la quotidianità i locali soggetti a molteplici tagli di corrente in Pakistan, che rappresentano un problema insormontabile per il paese a tutti i livelli della vita quotidiana. Riusciamo a immaginare di vivere in Europa senza elettricità?

Impossibile! La popolazione in Pakistan da circa otto anni convive coi tagli di corrente. Non parlerò delle cause e delle ragioni di questo problema perché potrebbero essere legate a questioni politiche al di fuori del tema di questo articolo, ma da expat provate a immaginare cosa vuol dire questa mancanza per persone, donne e bambini che la sperimentano quotidianamente.

La corrente può mancare da 10 a 12 ore nella maggior parte delle aree, anche se qualcuno non è direttamente coinvolto (ad esempio l’enclave diplomatica di Islamabad, i quartieri ricchi di grandi città e i luoghi governativi). Le classi medie, soprattutto i più poveri, e gli abitanti dei villaggi vivono questa situazione molto dolorosamente.

Per avere un’idea concreta del problema:

immaginatevi di guardare la TV, ascoltare musica, usare il pc, stirare, fare il bucato, studiare, con i ventilatori accesi…improvvisamente tutto si ferma e in qualsiasi momento della giornata o di notte. La maggior parte della popolazione ha generatori di energia che sono in realtà batterie di camion o auto o gruppi elettrogeni UPS (gruppi di continuità).

I generatori funzionano a olio o a gas, ma sono molto rumorosi e impediscono un sonno adeguato, e un membro della famiglia deve alzarsi per avviarli e per spegnerli una volta ripristinata la corrente. Va notato che ci sono anche interruzioni della fornitura di gas a seconda della posizione quindi il costo dell’olio motore o dell’olio è ora parte del budget mensile.

I generatori di UPS sono più semplici, silenziosi e automatici, ma le batterie si scaricano dopo tre o quattro ore di utilizzo. Il problema si pone in estate (40-45 gradi) quando i ventilatori smettono di lavorare, specialmente durante la notte, i bambini si svegliano e le zanzare attaccano la pelle in pochi secondi.

L’aria condizionata non funziona quando i generatori sono accesi a meno che non si abbia una dimensione maggiore anche per i frigoriferi, tutti gli alimenti congelati periscono, i modem, le lampade, gli elettrodomestici si distruggono a causa di cambiamenti di tensione.

Qualche anno fa i bambini studiavano a lume di candela durante le ore di interruzione di corrente, oggigiorno le lampade e le luci elettriche e il solare sono venduti nei mercati. I pannelli solari sono disponibili ma il loro prezzo è ancora alto.

I poveri del paese non hanno niente, nessun generatore, nessun pannello solare, nessuna luce speciale, assolutamente niente … solo candele. Le loro notti durante l’estate consistono nello sventolare i ventagli sui letti dei loro bambini per rinfrescarli e proteggerli dalle zanzare … loro stessi, al fine di mantenere la loro temperatura corporea, mettono i tessuti bagnati sul  corpo…
Come non provare empatia!

 

Carole Sahebzadah (Carolexpat)
Islamabad, Pakistan
Luglio 2017
Tradotto dal francese da Claudiaexpat
 
(Visited 35 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 14 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.
WE WAIT FOR YOU

AT OUR ONLINE SILENT AUCTION

TO HELP US RAISE FUNDS

FOR THE 15 YEARS OF EXPATCLIC!

GO TO THE AUCTION