Home > Asia > Cambogia > Una cartolina dalla Cambogia
cambodia

Il solo ripensare a questo viaggio mi riempie d’emozione e di malinconia. Non solo perchè la Cambogia mi ha lasciato un’impressione favorevolissima, e perchè di questi tempi i viaggi sono sospesi, ma anche e soprattutto perchè fa parte di un passato sul quale io, per problemi di salute, ho messo una pietra sopra. Per questo topic del mese, Viaggi Memorabili, voglio riproporvelo.

 

Claudiaexpat e Barbaraexpat di recente hanno visitato la  Cambogia, anche se in momenti diversi. Eccovi una  lista dei loro posti preferiti e qualche consiglio per aiutarvi a muovervi in questo bellissimo paese.

 

Abbiamo tenuto in nero i commenti di Claudiaexpat, mentre quelli di Barbaraexpat sono in verde.

La Cambogia è un paese affascinante che ha molto da offrire. Anche con un programma serrato come il nostro, si può godere dell’esperienza e scoprire molto sulla storia e sull’atmosfera attuale del luogo.

Abbiamo raggiunto la Cambogia in aereo, atterrando nella capitale Phnom Penh. Per entrare in Cambogia ci vuole  un visto turistico che si può ottenere direttamente in aeroporto. Costa 30 USD e si può pagare solo in contanti (non si accettano carte di credito né altre valute). Non preoccupatevi se non avete dollari con voi, perché proprio prima della linea di immigrazione ci sono tre sportelli bancomat dove si possono prelevare.

Bisogna compilare un modulo e consegnarlo al banco visti insieme a una foto (non dimenticate di portarne una) e il passaporto. Quando il visto è pronto (ci vogliono circa 15 minuti), verrete chiamate a un altro sportello per pagare e ritirare il passaporto e il visto. Ora potete procedere all’immigrazione.

Si può raggiungere il centro città in taxi, il costo è di 12 USD, impiega circa 50 minuti.

Con  un budget limitato, un viaggio in tuk-tuk è un’opzione divertente ed economica, anche se forse un po’ più lenta.

Dove alloggiare a Phnom Penh

Khmer Surin Boutique Guesthouse, https://khmersuringuesthouse.com/ (al momento in cui traduco questo articolo è chiuso per lavori, ma vale la pena tornare a verificare se riapre). Questo hotel incantevole è molto vicino al Palazzo Reale. È situato in una zona vivace, con ristoranti e negozi nelle vicinanze. Le camere sono belle, pulite e confortevoli. È un po’ rumoroso, ma per il resto impeccabile e il personale dell’hotel è super disponibile. Hanno anche un ristorante e la colazione è ottima.

 

cambodia

 

Foreign Correspondend’s Club (https://fcccambodia.com/hotels-resorts/), un’istituzione a Phnom Penh e piena di fascino storico. Le camere sono piuttosto buie e l’arredamento è vecchio ma ha un sacco di carattere. Ho adorato sedermi alla mia scrivania, immaginare le storie che sono state scritte nel corso degli anni. Il bar è un posto fantastico dove sedersi, con un cocktail e uno spuntino, con vista sul Mekong. Ci sono molte foto e articoli sui muri, un tuffo interessante della storia della Cambogia

Come muoversi

cambodiaIl modo migliore per spostarsi a Phnom Penh è usare un tuk-tuk, è divertente e vi fa vedere tutto ciò che accade intorno. I tuk-tuk si trovano ovunque e bisogna sempre negoziare la tariffa prima di partire. Di solito è tra uno e cinque dollari, cinque nel caso in cui la destinazione sia abbastanza lontana.

Da notare: tutto in Cambogia si paga in dollari USA, ma si può anche usare la valuta locale se si trova un bancomat che la fornisce (molti solo danno dollari). Nei bar, ristoranti, hotel e altri luoghi pubblici (anche nei mercati!) i prezzi sono espressi in dollari.

Dove mangiare

Ci sono molte opportunità gastronomiche a Phnom Penh. Io e mio marito abbiamo provato Friends Restaurant (https://tree-alliance.org/), che fa parte di un progetto più ampio volto a formare i giovani cambogiani estremamente poveri in una professione. Oltre al ristorante (sempre pieno, se volete andare la sera, è necessario prenotare) hanno un negozio con bellissimi prodotti fatti a mano la cui vendita sostiene il progetto.

Casablanca, https://www.casablanca-restaurant-phnompenh.com/, per un assaggio di Marocco a Phnom Penh. Belle mezzé e tagine in una cornice incantevole. La zona è molto vivace con bar e ristoranti, principalmente frequentati da espatriati.

Per un’esperienza più autentica ho fatto colazione al Russian Market, un vivace bazar coperto, dove si trovano meravigliose zuppe di pasta e tè freddo per pochi dollari, scoprendo prodotti interessanti e immergendosi nella cultura locale. Se, come me, amate i mercati, non potete perderlo!

Cos’abbiamo visitato

cambodiaIl famoso Museo del genocidio di Tuol Seng (https://tuolsleng.gov.kh/). Una volta era una scuola, fu presa dai Khmer rossi e trasformata in prigione (S-21). Non si può proprio passare per Phnom Penh senza visitarlo, perché fornisce una descrizione completa di ciò che è accaduto in quel momento terribile. Nel 2009 l’UNESCO ha aggiunto il museo alla sua lista di Memoriali del mondo. Preparatevi al fatto che questo è un tour estremamente duro e devastante. Consiglio vivamente di fare il tour audio, per pochi dollari si può ascoltare un resoconto dettagliato degli eventi raccontati dai sopravvissuti o dai membri della famiglia delle vittime.

Il Museo Nazionale, https://www.cambodiamuseum.info/ è relativamente piccolo ma carino, quindi assicuratevi di avere abbastanza tempo per visitarlo. Alcune sculture sono davvero meravigliose e la stanza del Buddha è superba.

Il Palazzo Reale, anche se – come Claudiaexpat – non amate lo splendore asiatico, merita una visita. La maggior parte dei suoi padiglioni sono generalmente inaccessibili, ma si può dare un’occhiata dall’esterno e godersi tutti gli esterni (alcune pareti hanno affreschi sorprendenti). Da non perdere la stanza con le piastrelle d’argento e un Buddha coperto di diamanti.

In una città con pochissime aree verdi, Wat Phnom, sulla collina da cui Phnom Penh ha preso il nome, è un gradito rifugio dal traffico e dal rumore. Nessun turista, ma molti locali pregano e camminano, offrendo fiori di loto e incenso che brucia.

Siem Reap e Angkor Wat

È possibile raggiungere Siem Reap in aereo o in autobus. Abbiamo preferito l’autobus per goderci il paese. L’hotel organizza tutto. Basta dir loro con quale compagnia volete viaggiare (noi abbiamo scelto Giant Ibis, https://giantibis.com/). Se preferite organizzare il viaggio in anticipo, potete farlo attraverso il loro sito web molto semplice ed efficiente.

Gli autobus di solito partono la mattina presto e arrivano a Siem Reap intorno alle 15:00. Una navetta vi raccoglie in hotel e vi porta al terminal dei bus. Una volta arrivati ​​alla stazione degli autobus di Siem Reap, è possibile raggiungere l’hotel con un taxi.

Dove stare a Siem Reap

cambodiaSala Baï Hotel & Restaurant School, https://www.salabai.com/, è un ottimo posto perché è totalmente gestito da giovani poveri che sono formati a lavorare in hotel e ristoranti. Bisogna essere pazienti perché molti di loro hanno iniziato la loro pratica solo di recente e non possiedono necessariamente la professionalità a cui probabilmente siete abituate e vi aspettate in un hotel. Però sono tutti adorabili e il posto è semplicemente fantastico. Le camere sono spaziose, pulite e perfettamente attrezzate. Hanno un ristorante ma non servono la cena. Il mercoledì e il giovedì funziona la loro scuola di bellezza, quindi si può avere un massaggio, una pedicure, una manicure o una riflessologia gratis, in modo che gli studenti possano esercitarsi. L’ho fatto ed è stato assolutamente meraviglioso.

Green Leaf Boutique Hotel, un hotel senza fini di lucro, con belle camere pulite, una piccola piscina e personale cordiale. Hanno organizzato la mia visita ad Angkor Wat. A pochi minuti dalla strada principale e dal mercato, ma in una strada tranquilla. Al momento del mio soggiorno la loro cucina non era molto ben organizzata e il cibo non era eccezionale, ma si trova molto nelle strade vicine.

Dove mangiare a Siem Reap

Il ristorante Genevieve, https://www.facebook.com/GenevievesRestaurant/, è un posto assolutamente incantevole, creato e gestito da un espatriato australiano che ha perso la moglie a causa di un cancro e ha dato il suo nome al ristorante in sua  memoria. Il cibo è delizioso, il personale è incredibilmente gentile e il prezzo è assolutamente ragionevole.

Ristorante Malis, https://www.malis-restaurant.com/. Questo è un ristorante chic, ma i prezzi sono ancora molto ragionevoli e il cibo è ottimo.

Coccole

Ho fatto un fantastico massaggio Khmer al Lemongrass Garden, www.lemongrassgarden.com, dall’altra parte della strada rispetto al mercato e alla Pub Street. Prezzi molto ragionevoli e la massaggiatrice era eccezionale.

Visita al complesso di Angkor

All’inizio può sembrare un po’ travolgente, ma il vostro hotel saprà rispondere a tutte le vostre domande.

La prima cosa da decidere è quale tipo di biglietto  acquistare per il complesso. Si può fare per un giorno o tre giorni. Quest’ultimo può essere utilizzato entro dieci giorni dalla data di acquisto. Vi consigliamo vivamente di acquistare un biglietto di tre giorni perché ci sono molti bellissimi templi da vedere all’interno del complesso e alcuni non sono necessariamente vicini l’uno all’altro.

cambodia

Il modo migliore per fare il giro è noleggiare un tuk-tuk per la giornata. Potete organizzare la vostra visita e dire all’autista da dove volete cominciare. Lui vi dirà dove verrà a prendervi  al termine della visita.

Come Claudia, raccomando il pass per tre giorni. A differenza di Claudia, tuttavia, ho adottato un approccio diverso! Il primo giorno ho organizzato una visita guidata attraverso il mio hotel. La guida mi ha portato alla biglietteria all’orario di apertura e quindi abbiamo iniziato il nostro tour, comincianto dalla parte principale del tempio e poi andando a quelli più piccoli. Dato che viaggiavo da sola, l’intero complesso avrebbe potuto spaventarmi per la sua grandezza. In questo modo, però, ho potuto esplorare e scoprire il tutto in un modo più rilassato.
Il secondo giorno, sentendomi più sicura e con un po’ più di esperienza, mi sono organizzata per farmi raccogliere dal mio tuk-tuk all’alba (lo consiglio vivamente!) e mi sono goduta il tempio da sola. Un’esperienza davvero straordinaria!

Ankor Wat è il tempio più famoso e più noto in Cambogia, e la visita di solito inizia da lì. Vi consigliamo di iniziare all’alba perché è davvero magico vedere la massa del tempio quando è ancora buio e vederlo emergere lentamente dall’oscurità. Probabilmente ci saranno centinaia di persone. Se potete, evitate di seguire la folla e probabilmente finirete in spazi molto più tranquilli e meno affollati. Molte persone vorranno fare la famosa foto allo stagno. Se volete farlo anche voi, provate almeno a stare in quello meno frequentato (è più piccolo ma sempre affascinante) sulla destra di fronte al tempio. Dopo l’alba, molti andranno a fare colazione, e questo è un buon momento per fare una prima visita ad Angkor Wat, prima che si riempia di gente.

Non entreremo nei dettagli di tutti i templi perché potete trovare molte informazioni nelle guide di viaggio, in Internet e sulla mappa che vi verrà fornite in biglietteria. Tutti i templi sono belli e unici a modo loro.

cambodiaSianoukville

La Cambogia ha molte bellissime isole tropicali, ancora abbastanza non sviluppate rispetto alla vicina Thailandia. Dato che ero lì per un periodo relativamente breve, ho deciso di rimanere sulla terraferma e mi sono diretta a Sianoukville, una città sulla costa sud-occidentale, da dove è possibile prendere i traghetti per le isole. Ho soggiornato fuori dal centro città, sulla Otres Beach 2. Una zona molto tranquilla ma bellissima, al Naia Resort. Il resort era proprio sulla spiaggia, le camere erano pulite e spaziose e il cibo davvero buono. Per arrivarci ho preso un mini bus (www.giantibis.com) da Phnom Penh ma Sihanoukville ha un aeroporto.

Goditevi la Cambogia e non esitate a contattarci se qualcosa non è chiaro!

 

Claudiaexpat e Barbaraexpat
Jakarta e Melbourne
Marzo 2018
Foto ©Claudiaexpat
Aggiornato e tradotto da Claudiaexpat a luglio 2020

 

 

(Visited 46 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 15 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.