Home > Famiglia e Bambini > Bambini > Londra: i fine settimana con bambini piccoli

Poxyex, che ha fatto parte dell’equipe francese, aveva scritto questo articolo quando si era trasferita a Londra. Ci parla delle  possibili attività per bambini piccoli nella sua città d’accoglienza. Se avete qualche informazione da aggiungere, fatecelo sapere!

Traduzione del francese a cura di Claudiaexpat
Aggiornato: gennaio 2015

La mia esperienza in questo campo è molto recente. Abito nella “grande Londra” solo da metà luglio. Tuttavia, in questo lasso di tempo sono riuscita a raccogliere molte informazioni e ad approffitare di quanto offre questo nostro nuovo ambiente ai bimbi piccoli. Al nostro arrivo il nostro figlio maggiore aveva 25 mesi e i nostri due gemelli 2 mesi, ed è per questo che parlerò delle attività possibili per la fascia d’età tra i 2 e i 4 anni.
Questo articolo si concentra soprattutto sulle uscite per un fine settimana quando c’è il papà.

Qualche consiglio generale sulla circolazione a Londra

Breve lista di siti da consultare per trovare le uscite week-end

Jean-Baptiste vi propone :

– Buckingham Palace e Hyde Park
– Miniature Railway Ickenham
– Odds Farm Park
– Eddie Catz, indoor playcenter
– I miei trucchi sui parchi d’attrazione
– Legoland Windsor
– Chessington World of Adventure
– Syon Park
– Festival e feste di stagione
– Più lontano ma sempre ottimo… Longleat e Port Lympne

Cose da sapere prima di circolare per Londra :
Londra è l’inferno per le macchine, sorvolo sugli ingorghi, c’è la « congestion charge » in vigore dal lunedì al venerdì dalle 6h30 alle 18h00, e poi i problemi di parcheggio, generalmente a pagamento e spesso limitati a un’ora con i vigili piazzati all’angolo che letteralmente aspettano che il vostro ticket arrivi alla fine per farvi la multa (io non ci credevo ma li ho visti, è un sistema incredibilmente efficace !!!). Ci sono anche le strade soggette al « resident permit » (circa 15£ al mese) e nelle quali non potete parcheggiare se non avete il permesso. I trasporti pubblici sono un’ottima alternativa alla macchina ma non quando si tratta di scappare un po’ più lontano il fine settimana o se avete dei gemelli e un bimbo di due anni che non cammina a lungo. Londra in passeggino non è facile ! Ciò nonostante, eccovi la star del doppio passeggino dei londinesi e che incrocerete molto spesso in città:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Avrei dovuto pensarci ! Avevo già visto questi modelli quando ero incinta di Mathilde e Pierre-Olivier, ma van bene solo nel caso di un neonato e un bimbo più grandicello perchè non hanno le due posizioni sdraiate. Quindi la nostra scelta è caduta sul modello Powertwin di Jané, molto pratico con dei gemelli. Notare che per due bambini di età molto vicina, gli inglesi usano anche molto il modello “fianco a fianco”, alcuni meno larghi che altri, alcuni che permettono la posizione distesa, e altri che sono semplicemente due passeggini attaccati.

Per aver vita facile coi trasporti londinesi, vi consiglio di munirvi di una Oyster card. Trovate tutti i dettagli sul sito dei trasporti di Londra. In breve la vostra “ostrica” vi serve da biglietto, ci caricate sopra dei “pass” giornalieri o dei percorsi, e dopo aver cambiato un paio di bus vi rendete conto che pagate meno che non comprando i singoli biglietti.

Qualche sito per aiutarvi a trovare attività/uscite per i vostri bambini a Londra

Kids visit London:  con un calendario degli eventi mensili molto pratico
All for kids uk: stesso concetto che il precedente ma unicamente dedicato all’universo dei bambini
Baby friendly bolt holes: uno dei più completi

Jean-Baptiste vi propone…

Buckingham Palace e Hyde Park
OLYMPUS DIGITAL CAMERABuckingham Palace è la prima visita che abbiamo fatto a luglio. Ci siamo andati in autobus con due passeggini pensando che Jean-Baptiste non sarebbe forse riuscito a camminare tutto il giorno. Alla fine ci siamo resi conti che ce l’avrebbe fatta senza problemi, e che questo ci avrebbe reso più facile la vita evitandoci il bus! Mentre normalmente non ci vogliono più di 20 minuti per fare il giro del palazzo, col bus ci abbiamo messo più di un’ora e mezza. Avevamo preso il pass giornaliero, ovvero un totale di 8£. Gli altri passeggeri sono stati relativamente simpatici a parte negli autobus del mezzogiorno, pieni. Impossibile piegare il passeggino doppio, passeggeri che si urtano, non ho un buon ricordo del ritorno, sorvolando su una bisbetica « autista » di bus che voleva farmi scendere col mio passeggino perchè ero salita dalla porta sbagliata. Ho dovuto farle capire che se non fossi salita dalla porta davanti non sarei mai arrivata alle prime file di posti disponibili e che sarei rimasta bloccata. Per un attimo ho creduto che avrebbe chiamato la polizia!!!

OLYMPUS DIGITAL CAMERAPer tornare a ciò che ci interessa, il cambio della guardia resta un grande momento per un bambino. Cercate di arrivare un po’ prima soprattutto in estate, se volete avere un buon posto
La nostra grande fortuna quel giorno: la Regina si trovava a palazzo, il cambio è avvenuto nella sua totalità, con la prima fanfara che ha suonato musiche come Starwars e il tema classico di James Bond ! (forse i preferiti di Elisabetta II !). Abbiamo visto anche le guardie a cavallo. In luglio c’era anche una mostra per festeggiare i 60 anni di matrimonio della coppia reale, dove i visitatori potevano vedere i regali di matrimonio arrivati dal mondo intero (la Francia ha mandato della porcellana). Purtroppo non ci siamo andati, JB mostrava segni di nervosismo. OLYMPUS DIGITAL CAMERAAbbiamo ripiegato su Hyde Park, dove ci sono molte aree gioco e dove Jean-Baptiste ha potuto sfogarsi. Gli sarebbe piaciuto anche andare in pedalò, ma alla fine è rimasto ben occupato con le anatre e altri volatili.
Notare le sdraio che i visitatori possono affittare (per 4£ ogni 2 ore) in alcuni punti del parco, sono delle vere opere d’arte!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non caro, non lontano e una grande gioia per i più piccoli: è il  Miniature Railway  a Ickenham (sulla strada per Heathrow).

Londrakids8 OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

 

 

Per 40p a persona, piccoli e grandi possono salire su questi treni in miniatura (a vapore o elettrici) per una breve passeggiata. Prima di prendere il treno bisogna comprare il biglietto, e farlo convalidare da un controllore. Una gioia per i piccolini che fanno come i grandi ! Il treno passa in due gallerie, si ferma alla stazione dove il capostazione saluta, riprende il cammino… il percorso è breve ma Jean-Baptiste, che ci è andato coi suoi compagni di classe, si è divertito un mondo. Gli è anche piaciuto moltissimo osservare i treni e i loro passeggeri. Saremmo potuti restarci tutto il pomeriggio !

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ bene sapere che l’associazione che propone queste attività apre le porte al pubblico solo il primo sabato di ogni mese. Trovate le date d’apertura sul loro sito.

Odds Farm Park
Appuntamento con gli animali della fattoria ! Questo posto un po’ speciale vi accoglie sia d’estate che d’inverno. Il programma prevede che i bambini scoprano la routine della vita in una fattoria, si avvicinino agli animali, si muovano sui trattori, ma anche che si sfoghino nelle aree gioco adattate alle varie fasce d’età e in relazione ai vari temi. Alle casse vi proporranno l’acquisto di un lunch bag, non rifiutate, farà la gioia dei vostri figli, ma anche degli animali.
JB ha molto apprezzato:

Accarezzare i conigli

 

Dar da mangiare alle capre nane

Dar da mangiare alle capre nane

 

Gli sono anche piaciute le balle di fieno da scalare, ma abbiamo dovuto impedirglielo perchè per un bimbo della sua età poteva essere pericoloso. Ci siamo andati in mattinata ma abbiamo in programma di tornarci un pomeriggio perchè abbiamo mancato la corsa delle pecore e anche il  piggy tea time  (mi chiedo cosa sia?!!). Il calendario della fattoria segue le stagioni, questo week-end era il momento per i bambini di intagliare la loro zucca per Halloween, in dicembre si preannuncia Babbo Natale, a Pasqua c’è una grande caccia alle uova… Per più informazioni sul programma, consultate il sito.

Che fare quando arriva il maltempo? Andate in un’area gioco coperta! Per il momento abbiamo provato solo un playcenter,  Eddie Catz a Putney. L’ho scelto perchè sul loro sito web dicono che hanno un’area giochi adatta ai più piccoli. Jean-Baptiste peraltro ha preferito quella dei grandi (una specie di gabbia con delle reti e dove ci si arrampica, si salta…). Sull’area giochi dei più piccoli troverete molti giochi di una marca molto conosciuta !!! Un buon modo per questa marca per farsi conoscere è di incitare i genitori all’acquisto. Sul posto potete sgranocchiare qualcosa, leggere giornali, pranzare, navigare gratuitamente in Internet mentre il vostro piccolo terrorista si sfoga. C’è anche una mini biblioteca con dei libri per bambini e qualche gioco a pagamento (pesca delle anatre, trattore di Bob il costruttore, etc.)

Le tariffe si trovano sul loro sito. E’ a pagamento a partire dagli 8 mesi, per gli adulti 1£. Durata illimitata a meno che ci sia troppa gente. Durante la settimana Eddie Catz propone anche dei corsi regolari con attività varie (musica, baby gym, attività manuali, etc…)

Il mio consiglio: arrivate quando apre per approfittare dei vari giochi, a mezzogiorno c’è molta gente.

I miei trucchi sui parchi d’attrazioni :
– La maggior parte dei parchi di animali/attrazioni hanno delle promozioni sui loro siti web, può essere in un giorno preciso, per un gruppo di mothers and toddlers, etc…

– E’ anche più interessante acquistare i biglietti d’entrata online, basta stamparli, avrete uno sconto e guadagnerete tempo all’entrata evitando le code alla cassa (tranne a Chessington dove il biglietto comprato via Internet va ritirato a uno sportello!).

– Vi consiglio anche di prendere con voi il vostro pic-nic! La maggior parte di parchi ha delle aree pic-nic all’interno (dunque non dovete uscire per mangiare) ed eviterete così gli inconvenienti legati ai pasti. Il rapporto qualità/prezzo non è buono, i prezzi sono elevati e la cucina poco attraente. Risparmiate i soldi di un pasto per un buon caffé un altro giorno.

Legoland Windsor
Molto accessibile con dei piccolini, anche di 2 anni, che potranno partecipare accompagnati da un adulto.
Jean-Baptiste ha molto apprezzato:
– gli elicotteri
– la funivia
– il trenino

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

– la barchetta che porta nella foresta delle favole delle fate (personaggi fatti in Lego a misura naturale)
– delle scene di vita nelle città europee ricostruite in Lego

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
– gli spazi Lego con mattoncini a disposizione per giocare (per i più grandi si tratta di Lego technic  con delle sfide tipo costruire la macchina più rapida, etc.)
– lo spettacolo con gli acrobati
– il teatro delle marionette

Piccolo trucco: una volta passati gli sportelli per entrare nell’insieme delle aree del parco, i visitatori tendono a concentrarsi sulle prime attrazioni verso l’alto. Vi consiglio di “scendere” (il posto è molto in pendenza) fino al punto più lontano del parco, e di terminare la giornata con le attrazioni all’inizio, che verso la fine della giornata sono deserte.
Se i vostri figli non vanno ancora a scuola, e avete una macchina, il momento migliore per andarci è durante la settimana.

Possibilità di abbinamento con i biglietti per il Parco di Chessington. Aperto da aprile a novembre. Sito web Legoland Windsor

 Chessington World of Adventures
Scoperto poco dopo Legoland, questo parco è adatto ai bambini più grandi e agli adolescenti perchè ha delle montagne russe piuttosto impressionanti. Ma resta comunque un’uscita piacevole anche con i piccolini. La parte dello zoo è aperta tutto l’anno, mentre l’altra metà apre le porte solo nei week end dopo Halloween.

Noi ci siamo andati dopo la ripresa delle scuole un bel week-end di settembre e dato che era poco frequentato, Jean-Baptiste ha potuto usare le giostre senza dover aspettare troppo in coda, come succede spesso nei parchi d’attrazione.

Qui a Jean-Baptiste sono piaciute le macchinine, le giostre, il safari (passaggio nel parco e nello zoo in una piccola navetta), gli elefanti volanti, i tronchi d’albero sull’acqua, lo spettacolo delle marionette, lo show delle otarie, quello dei pappagalli e lo zoo, soprattutto la parte children zoo dove si può camminare tra le capre, entrare dalle scimmie, etc.

I bambini pagano (non i bebè), solo per il fatto che c’è tutta la parte dello zoo.

Sito web di Chessington World of adventures

Syon Park
Syon Park è proprietà del Duca di Northumberland. La dimora appartiene alla famiglia da più di 400 anni e oggi si possono visitare i luoghi circostanti e i giardini. Syon Park ospita anche un mariposario e un serpentario. Ci siamo andati una domenica pomeriggio dopo il sonnellino con JB e i suoi nonni, per vedere il serpentario. Coccodrilli, serpenti, ragni, pesci giapponesi, scimmiette, torture giganti, scoiattoli (?!) sono gli ospiti di questo padiglione. Dopo la visita c’è uno show durante il quale JB ha visto un serpente mangiare un topo (un grande momento per lui !), e ha potuto accarezzare un caimano nano e una tartaruga. L’addetto ha anche spiegato la presenza di questi animali a Syon Park: l’aereoporto di Heathrow è vicino e tutti i rettili e altri animali del padiglione sono stati presi dalla dogana.

Londrakids16

Sito web di Syon Park and House

Festival e feste stagionali
A luglio e agosto i comuni che formano la grande Londra organizzano molti festival, kermesse e feste all’aperto. Per avere un’idea dell’offerta, basta andare sul sito del festival d’Hampton Court.
Per essere onesti fino in fondo, siamo rimasti un po’ delusi. L’entrata è a pagamento e per ogni attrazione bisogna rimetter mano al portafoglio. Jb non ha visto granchè della corsa dei furetti e del dog show, troppo piccolo per apprezzare.

Da notare:
– Il festival jazz a Lammas Park
– Le varie funfair e kermesse l’ultimo grande week-end di agosto, che è festivo.

Molto più lontano…. (circa 2h di strada)
A 10 minuti dall’uscita del tunnel, abbiamo visto il cartello che indicava il parco faunistico di Port Lympne.

Da farsi in una giornata di sole e con il passeggino se il vostro piccolo non ama troppo camminare, perchè il parco si visita principalmente a piedi. E’ costituito da due circuiti che passano tra i recinti/gabbie degli occupanti del parco. E’ una bellissima passeggiata nella natura. Il parco è in pendenza, la risalita può essere faticosa per i più piccoli.

Non ci sono sconti per l’acquisto online a meno che non possediate un coupon di sconto che vi è stato dato a una visita precedente.

Un safari vi tenta? Allora direzione Longleat. Nel parco di questo castello vedrete un sacco di animali e tutto restando in macchina. Il momento preferito di Jean-Baptiste: le scimmie. E’ rimasto molto impressionato dal vederle saltare sulle macchine (tra l’altro alcune ne conservano i segni !), passando dall’una all’altra.

Una volta finito il tour, direzione il castello e le varie attrazioni : barcone, mini zoo, zona gioco con decorazione medievale, visita del castello, simulatore di volo…una mistura bizzarra, in effetti.

Potete comprare un biglietto unicamente per il safari o optare per un multipass che vi dà accesso alle altre attrazioni. Non siete obbligati a far tutto in un giorno, il pass è valido per la stagione. Il mio consiglio: andateci in primavera o in estate, vedrete più animali.

Cominciate piuttosto dalle attrazioni del castello, e fate il safari a metà giornata, o in ultimo. Siamo rimasti “bloccati” nel recinto dei leoni per circa 50 minuti perchè i visitatori erano indisciplinati. Invece di lasciare “la corsia veloce” libera, le macchine vi si ammassavano, tutti volevano far foto. Lo stesso è successo dalle tigri, le scimmie e qualche altro animale. Jean-Baptiste cominciava a perdere la pazienza e voleva slegarsi dal seggiolino della macchina, difficile mantenerlo sveglio promettendogli i leoni, i lupi, etc.

Aperto da marzo a novembre per il safari e l’insieme delle attrazioni. Aperto tutto l’anno per la visita al castello. Propongono un treno da Natale a fine novembre.

Sulla strada pensate a fermarvi a Stonehenge (attenzione, il sito è a pagamento, circa 8£), che non vale necessariamente la pena un viaggio in sè.
A presto per delle nuove idee…

Poxyexpat
Londra, Regno Unito
Ottobre 2007

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 13 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.