Home > Arte e Cultura > Tradizioni > Quando gli oggetti ci parlano di cultura

Carolexpat ci parla del Charpai (letto di corda indiano) e crea un bel parallelo tra gli oggetti locali che ci parlano di culture diverse.

 

In quanto espatriate in Asia, Medio Oriente, Africa o America del Sud, entrate in contatto con culture e tradizioni diverse e anche con una moltitudine di oggetti dell’arte e dell’artigianato locale. Di ritorno al vostro paese spesso ritrovate nelle vetrine degli antiquari o dei negozi di decorazione alcuni oggetti che avevate scoperto in luoghi lontani.
I tappeti o kilim turchi, i tessuti e i gioielli africani, le sete cinesi e le statuette indonesiane fanno ormai parte del nostro quotidiano… Alcuni oggetti meno conosciuti vengono modificati e trasformati in modo originale, pur conservando il sapore del loro paese d’origine.
La decorazione etnica al momento è molto di moda nel mondo occidentale in cerca d’evasione e di atmosfere tradizionali, e aggiunge un tocco di nomadismo agli interni sobri e omogenei.

charpaiPer poter meglio spiegare questo concetto con un esempio concreto, parliamo dei CHARPAI o CHARPOY, i famosi letti di corda che si trovano in tutto il sub-continente indiano (India, Pakistan e Bangladesh), fatti di fibre naturali (juta, foglie di palma o di dattero). Si trovano anche dei charpai intrecciati con fili di plastica multicolori, resistenti, e che sembrano dei lettini da campeggio ma che non sono piegabili.

Localmente i letti di corda fanno parte della vita quotidiana, si ritrovano nelle case, nei villaggi sostituiscono i letti delle stanze, vengono sistemati davanti ai negozietti, sui cantieri di lavoro…i charpai fanno parte della decorazione della strada nel sub-continente. Sono multiuso, leggeri, e possono essere facilmente sollevati anche da una persona sola. Vi vengono attaccate sciarpe e altri tessuti per ninnare i bebè, i bambini li usano per giocare o studiare, servono da letto per dormire o per riposare.

charpai

Nei villaggi i piatti e le stoviglie lavate vengono appoggiati sul charpai di corda, a testa in giù, per lasciarli scolare prima di asciugarli. Oggi vengono fabbricati in taglie diverse, piccole per i bambini e più grandi per i letti matrimoniali.

Quando si ricevono degli ospiti i letti vengono ricoperti da un materasso in cotone e un lenzuolo decorato, con l’aggiunta di un cuscino. Su ogni charpai si possono sedere tre persone e quando ci sono delle grandi riunioni vengono disposti più letti per permettere agli invitati di raggrupparsi.

In occidente gli charpai sono minuziosamente decorati e fanno parte della decorazione etnica. I materiali usati per fabbricarli possono essere completamente differenti, e originali. In India, Pakistan e Bangladesh il charpai è considerato un oggetto d’uso nelle classi inferiori e non necessariamente apprezzato dalle classi alte di queste società. Le persone che vivono nelle belle ville in periferia preferiscono gli interni moderni e occidentali alle decorazioni orientali o etniche. Sono apprezzate le moquettes beige e senza motivi decorativi, mentre vengono scartati i tappeti orientali e tutti gli oggetti che hanno un rapporto con l’artigianato locale povero e tradizionale.

La storia dei charpai indiani si trova qui

 

Carole Sahebzadah (Carolexpat)
Islamabad, Pakistan
Dicembre 2017
Foto ©Carolexpat tranne la foto in testa (Creative Commons)
Tradotto dal francese da Claudiaexpat

 

(Visited 16 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 14 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.