Home > Asia > Kazakhstan > Benvenute in Kazakstan!

Traduzione dal francese a cura di Silviaex 
Ringraziamo di cuore Claire, che da qualche mese si è installata in Kazakstan, per questo simpatico e utilissimo articolo !!!

Mi avevano detto tutto e il contrario di tutto prima della partenza.
Mi avevano compatito, mi avevano chiesto dov’era, mi avevano detto “Oh, poverina, è peggio dell’India!” (paese dove peraltro né io né gli altri abbiamo mai messo piede); mi avevano detto che era un paese molto povero (ciò che invece è completamente falso), che era vicino all’Afghanistan e alla Russia e quindi politicamente instablie (ancora una volta, tutto falso). Insomma, mi avevano fatto paura in tutti i modi.

In realtà non è poi così terribile, ma certo è bene informarsi prima di partire.

Il clima
Io abito ad Alma Ata, la tipica città dell’espatrio, la vecchia capitale del paese dove si concentrano ancora la maggior parte del commercio, le ambasciate e le industrie. L’inverno è meno rigido che ad Astana (la nuova capitale kazakha) ma si registra comunque una media di – 10°C a febbraio, con grandi nevicate da novembre fino all’inizio di marzo. Il paese è ben preparato all’inverno e quasi non ci si accorge degli inconvenienti. L’aria è secca e il freddo non è insopportabile. Gli appartamenti sono ben riscaldati e le strade vengono regolarmente cosparse di sale, le difficoltà sono legate piuttosto al fatto che d’inverno  non si può uscire troppo, tutto funziona al rallentatore e la mancanza di luce alla lunga diventa pesante.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

La circolazione
Le infrastrutture sono buone e in città c’è una rete di trasporti in comune ma sono pochi gli espatriati che se ne servono dato che si tratta di mezzi obsoleti e affollati. Meglio prendere un autista o una macchina con autista (anche se la guida alla kazakha a volte assomiglia più ad un rodeo che ad altro!!)
Gli espatriati che non hanno la macchina fanno come i locali, cioè fanno l’autostop in cambio di una cifra negoziata prima di salire. Pare che non sia pericoloso. Da notare invece che le macchine con targa straniera vengono spesso fermate dalla polizia in cambio di un bakchich. Non vi allarmate e pagate (oppure no…).

La lingua
Il  Kazakhstan è un paese dove il russo è già di per sè una lingua straniera, una specie di inglese dell’Asia centrale e tutti lo parlano. Di conseguenza – a parte gli espatriati – sono pochi quelli che parlano inglese.
E’ meglio dunque mettersi a studiare il russo fin da subito, per evitare di di sentirsi troppo a disagio. Gli stranieri non sono malvisti (si tratta pur sempre di un paese molto cosmopolita), ma insomma ciascuno pensa ai fatti suoi; parlare con le mani va bene, capire il russo è rassicurante, conoscere due o tre parole della lingua kazakha è ancora meglio, facilita lo scambio, la comunicazione. E conosco anche degli espatriati che se la cavano senza nessuna di queste lingue…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il supermercato sotto casa mia

Le condizioni sanitarie
In caso di malattia, ci si può rivolgere alla clinica SOS, una sorta di dispensario internazionale dove si possono fare esami del sangue, visite ginecologiche e pediatriche e dove l’astma per esempio è ben trattata. Si tratta però di un posto molto caro, l’assicurazione è necessaria. Per le malattie di lungo corso, eventuali operazioni o il parto qui sono tutti concordi, meglio rientrare a casa. Non esiste un ospedale anglofono e quelli che hanno dovuto essere ricoverati d’urgenza non sono rimasti granchè soddisfatti degli ospedali locali. Invece le medicine sono disponibili in tutte le farmacie e si possono acquistare senza ricetta.

Alma Ata è una città riscaldata a carbone ed invasa dalle automobili e dunque è talmente inquinata che a volte non si riescono a vedere neanche le montagne che la circondano. Le persono con problemi di asma rischiano di risentirne. Se siete sensibili all’inquinamento dovreste cercare un appartamento nella parte alta della città, che è anche a quanto dicono più sicura. Essendo l’aria molto secca, è bene utilizzare una buona crema idratante, orticaria e eczema sono molto frequenti… Non bevete l’acqua del rubinetto.

Dettagli più futili… ma che hanno la loro importanza:

– Le bollette si pagano direttamente in banca. Se pagate una bolletta in ritardo il servizio vi viene interrotto senza preavviso (Internet, TV…).

– Per quanto i negozi non abbiano un aria molto accogliente, ad Alma Ata si trova quasi di tutto. Non siate troppo esigenti sui legumi in inverno, né sulle eventuali penurie (due settimane senza prosciutto si puo’ fare!)

– Lo stile degli appartamenti é davvero kitsch. Ma potete mettervi d’accordo con l’eventuale proprietario, in genere sono tutti piuttosto accomodanti.

– La corrente elettrica ha molto spesso alti e bassi. Ci sono pochi tagli ma le lampadine bruciano in fretta a causa degli sbalzi di tensione e i ferri da stiro non si ricaldano mai come dovrebbero.

– Abbiate pazienza riguardo al visto e organizzatevi bene in anticipo. Il Kirghizstan é la destinazione piú vicina per farsi fare un visto permanente (1 anno), ma molti espatriati preferiscono rientrare a casa o partire fare un po’ di shopping a Dubai.

Ecco, mi sembra di aver detto tutto sulle cose che è bene sapere … E ci sono tante bellissime cose da scoprire in Kazakhstan, lo prova il fatto che molti espatriati non se ne vogliono piú andare. Non esitate a contattarmi se avete bisogno di informazioni e se viaggiate con un animale domestico (come ho fatto io !).

 

Claire
Alma Ata, Kazakstan
Marzo 2010

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 13 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*