Home > Europa > Slovacchia > Un piccolo cimitero molto importante
cimitero Veľká Trňa

Non abbiamo parole per ringraziare la nostra carissima Miriam, che avevate già conosciuto qui, nello splendido racconto della vita di sua nonna, per consegnarci con tanta delicatezza la sua storia, in questo mese in cui parliamo di Cimiteri e Riti Funebri nel Mondo. Miriam, ti siamo tutte vicine.

 

Tema del mese: i cimiteri. Oggi vi parlo di quello cattolico di Veľká Trňa, che pur avendo 400 abitanti ne conta tre: quello cattolico (al limitare del bosco), quello Calvino (completamente in alto sopra il paese) e quello ebraico (appena sotto quello cattolico, ma nel bosco).

Quando arrivammo in questo paesino della Slovacchia orientale meno di tre anni fa, una delle prime cose di cui si dovette occupare mio marito fu la croce principale del cimitero, che era caduta e andava sostituita. Si mise subito in contatto con un uomo che di mestiere costruisce opere in pietra (avrà un nome in italiano?) e scoprì che tutti i suoi dipendenti si davano sempre malati quando c’era da venire a fare lavori qui, perché la pendenza è proprio scomoda e perché non esiste un ordine, dove c’è spazio si scava una buca, non ci sono nemmeno dei sentieri su cui muoversi, uno cammina un po’ dove riesce a mettere i piedi.
Mesi per accordarsi sui dettagli, portare le materie prime dall’Italia, il pover’uomo non vide mai il lavoro finito perché al cimitero ci andò, sì, ma purtroppo per sempre. Finì i lavori il figlio.

cimitero Veľká Trňa

Passò oltre un anno, venne costruito anche un muretto con panche (vedi foto qui sopra) per ammirare il panorama sopra il paese e la natura circostante. Ancora non immaginavamo che quella croce avrebbe assunto un valore diverso per la nostra famiglia.

A dicembre scorso ero dal ginecologo per il controllo di metà gravidanza, un po’ scettica perché ancora non sentivo movimenti. Nessun battito, il cuore si era fermato e non sappiamo da quanto. Ricovero, induzione, tre giorni di attesa e parto.

Il giorno dopo vengo dimessa, vado con mio marito a ritirare il corpo del bambino, ma nemmeno le pompe funebri avevano qualcosa di dignitoso in cui deporre un corpicino di 240g. Così abbiamo preso una scatoletta di legno che mi aveva regalato mia madre anni fa, torniamo a prendere il nostro piccolo e andiamo a casa, anzi, direttamente in chiesa. Entro in casa solo per prendere le forbici e cogliere in giardino dei boccioli di rosa congelati, che non sbocceranno mai più, per ornare la piccola bara. Il rito è stato celebrato da mio marito insieme a un altro prete nostro amico, una signora per cantare i responsori e nessun’altra presente.

Nel frattempo il sacrista aveva scavato una buca al cimitero e suo figlio costruito una croce di legno. Il giorno dopo abbiamo portato il nostro Charbel nella terra, l’emozione ha retto bene finché mio marito non ha pronunciato la preghiera “Signore Tu che hai detto “lasciate che i bambini vengano a me”… ” e in quel momento, vi lascio immaginare.

Poi la terra lo ha coperto, e quello è il momento che non reggo mai, a nessun funerale.
Io ancora non ho deciso cosa ne sarà di me, però per Charbel non abbiamo dubitato un secondo, abbiamo entrambi sentito lo stesso desiderio anche se causa Covid io ero in ospedale sola e mio marito a casa. Tutta la sua vita Charbel l’ha trascorsa in questo luogo e adesso anche noi, all’ombra della grande croce di pietra, abbiamo qualcosa che ci legherà per sempre a questa terra, che in così poco tempo ci ha accolti e fatti sentire a casa e che senz’altro, tra qualche anno o chissà quando, dovremo lasciare.

 

Miriam Fogarty Moščaková
Slovacchia
Marzo 2022
Foto ©
MiriamFogartyMoščaková
(Visited 166 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 17 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione, anche se piccola. Grazie di cuore.
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments