Home > Sudamerica > Honduras > Come creare la propria piñata per una festa di compleanno

Per il secondo compleanno di suo figlio, Anthony, marito della nostra carissima ex redattrice Poxy, aveva scelto di realizzare una piñata a forma di giraffa. Questo è il suo risultato, e qui condivide le sue istruzioni per l’uso e i suoi consigli per costruire una piñata. Sarà la vostra creatività a perfezionare il lavoro!

 

Materiale necessario per creare la propria piñata:

– Vecchi giornali e vecchie riviste
– Un palloncino (tenete conto della forma finale della vostra piñata, e non dimenticate i piccoli difetti di fabbricazione del palloncino)
– Colla bianca (procuratevi una pentola capiente)
– Secchio
– Un pennello per la colla
– Carta crespa (è l’ideale, capirete oltre perchè) o piccoli pezzi di carta nei colori dell’animale / oggetto / personaggio scelto
– Cartone morbido
– Un po’ di tempera
– Tubi di cartone da rotoli di carta igienica e tovaglioli di carta (sempre nella forma desiderata, qui, nel caso della giraffa, sono stati usati per realizzare il collo, le zampe e la base della coda).

Tempo di realizzazione:

una buona settimana! Ci vuole infatti tantissimo tempo per l’asciugatura. Anthony ha iniziato un sabato mattina e ha concluso il sabato successivo, il che significa che ha “lavorato” per creare la propria piñata solo quando è tornato a casa dal lavoro. Nulla v’impedisce, se la vostra “piñata” asciuga rapidamente, di aggiungerne diversi strati nello stesso giorno.

Pronte? Decidete la forma che volete dare alla vostra piñata, ma la base sarà sempre la stessa: una palla!

Le seguenti spiegazioni riguardano una giraffa:

– Gonfiate il palloncino e attaccatelo a una corda da bucato.
– Tagliate i giornali e le riviste in strisce larghe 5 centimetri.
– Preparate la colla diluendola in acqua secondo le istruzioni.
– Immergete le strisce di carta nella colla, eliminate l’eccesso e coprite il palloncino.

creare la propria piñata
– Procedere strato per strato, lasciando il tempo per asciugatura. Non dimenticate di prevedere un foro che verrà utilizzato per far uscire la corda.

creare la propria piñata

La base dovrebbe essere composta almeno da tre strati di carta sovrapposti. Pensate alle caramelle, ai giocattolini e ad altre cose che riempiranno la piñata. Dev’essere resistente, ma non troppo.

A questo punto potete già forare il palloncino.

Ora aggiungete le zampe:

– incollate 4 tubi di cartone (rotoli di carta igienica vuoti)
– copriteli con strisce di carta come per la base
– arrotolate diversi fogli di una vecchia rivista dando loro una forma conica
– attaccate questi coni ai tubi di cartone per dare la forma delle gambe
– lasciate asciugare.

Preparate la testa della giraffa:

– gonfiate un palloncino e usando del nastro adesivo, dategli una forma allungata
– procedete come con la base coprendo il palloncino con strisce di carta
– lasciate asciugare
– Fissate la testa al corpo della giraffa usando un grande tubo di carta assorbente vuoto. Per fare in modo che il tutto si mantenga bene, coprite con strisce di carta.

 

creare la propria piñata

Pensate di aver finito? Ovviamente avete fatto dei buoni progressi, ma la parte più difficile deve ancora arrivare! Ora dovrete infatti ricoprire la piñata con la carta colorata! Il modo più semplice è usare la carta crespa. Realizzate delle ghirlande con la carta e soprattutto non srotolatele!

Le srotolerete gradualmente lungo la piñata, così risparmierete tempo in questa parte noiosa.

Spennellate con colla bianca (fate attenzione a non ammorbidire troppo la struttura) e alternate le ghirlande arancioni e marroni. Non coprite completamente il collo, fate una tacca per far passare una rondella di cartone (come una rondella per fare un pompon) dove avrete attaccato la corda che servirà per appendere la piñata. La corda uscirà dal foro che avete lasciato durante il processo di fabbricazione.

 

creare la propria piñata

– Realizzate le corna dell’animale in cartone flessibile. Dovete solo creare una specie di cerchietto.
– Dipingete il cartone in marrone.
– Tagliate due ovali da un foglio di carta bianca, dipingeteci dentro 2 cerchi neri, ed ecco gli occhi!
– Montate le ultime parti mancanti: gli occhi e le corna.
– Riempite la piñata con caramelle, bomboniere, coriandoli, caramelle, giocattolini e altri piccoli regali (fermagli per capelli, ad esempio).
– Chiudete la “piñata” incollando delle strisce di carta poi, quando questa parte sarà asciutta, incollate le ultime strisce di carta crespa

Per rompere la piñata potete usare un vecchio manico di scopa. Tagliatelo, a seconda dell’età dei bambini non deve essere troppo piccolo o troppo grande. Potete decorarlo con dei nastri di carta crespa. Nelle foto della festa di Jean-Baptiste vedrete che il bastone è troppo grande. Tutto quello che devote fare è appendere la piñata nel D-Day!

In generale è più facile utilizzare una carrucola per alzare/abbassare la piñata. Se non ne avete una a portata di mano, riciclate la bobina di un nastro, l’effetto sarà lo stesso.

Come si gioca con la piñata?

In America Latina, i bambini più piccoli non sono bendati per colpire la piñata. Tutto quello che l’adulto deve fare è di far salire/scendere la piñata come un pompon in una giostra. Per i bambini più grandi (dai 4 anni), si può fornire una benda per gli occhi. Si può gridare al bambino/a la direzione nella quale deve colpire. Ovviamente il gioco è più divertente se quando i compagni indicano la direzione sbagliata e/o la piñata è fuori portata.

È consuetudine che il primo a colpire sia il/la festeggiato/a, e poi si può tirare a sorte se i bambini presenti hanno tutti la stessa età o si può andare in senso crescente se sono di età diverse. Questo è quello che abbiamo fatto noi. Assicuratevi anche che tutti riescano a per qualche minuto prima che la piñata si rompa.

Attenzione: i bambini tendono ad avvicinarsi troppo quando il loro amico sta dando i colpi, sperando che la “piñata” si spezzi. Teneteli a  distanza di sicurezza per evitare che prendano un colpo.

Buona festa e buon divertimento !!!

Poxyexpat
Tegucigalpa, Honduras
Avril 2007
Tradotto dal francese da Claudiaexpat
Foto  ©Poxy tranne la principale di Dnessa Franklin su Unsplash
(Visited 7 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 16 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments