Home > Asia > Giappone > Nihongo wakarimase!

Avvertenza: chi naviga con Internet Explorer, vedrà dei codici accanto alle note di quest’articolo. Abbiamo deciso di non rimuoverli perchè con Firefox e Safari l’articolo si vede bene. Ci scusiamo per il disagio.

日本語 分かる : capisco il giapponese !!!

Il , ecco sì oggi cucino il [1], lo mescolo al枝豆[2] e poi magari ci metto qualche椎茸 [3] , aggiungo del [4], una spolverata di [5] tritato, del Listen to a Lesson about 醤油
[6]e via….

E poi dopo…. come ogni giorno, almeno agli inizi, la spedizione al supermercato e la conseguente preparazione del pranzo sono un impresa disperata… come faccio a capire se sto comperando della 小麦粉[7], e non mi interessano tanto le sfumature sul grano tenero o duro, ma voglio solo che sia小麦粉, candida e bianca per preparare un dolce, poi mi chiedo se in quel bricco lì ci sia del latte, e anche qui non sondo oltre perchè francamente anche se è intero con grassi in abbondanza l’importante e che sia latte e non scada domani… anche la lettura della data di scadenza può non essere immediata se non te la spiegano prima[8]… se poi trovo del 砂糖[9]sono la persona più contenta del mondo …e poi vorrei tanto sapere che cosa c’è in quella barchetta accanto al 赤身魚[10] e alle 白身魚[11] … sembrano vivi, ma forse non lo sono… e per ritornare al dolce, mi servono delle [12] che siano semplici semplici, insomma quelle che conosco io… perchè ormai sono troppe le volte in cui mi sono sbagliata e anzichè un bell’fresco dal tuorlo brillante mi sono trovata tra le mani una chicca culinaria cotta nella soya…

giappone2 giappone6

Dove sono, da Hanamasa il supermercato della mucca (e qui l’importanza delle immagini), tanto per intenderci, quello dietro casa a東京[13], quello in cui sono entrata la prima volta seguendo, per arrivarci, delle indicazioni ad uso e consumo di un bambino analfabeta (tra cui appunto il riconoscimento della sopracitata mucca, immagine del supermercato), perchè così ero e lo sono più o meno rimasta per 3 anni, nonostante lo sforzo sovrumano per imparare quelle 4 utili parole in croce e per decifrare quei 4 utili 漢字[14] che mi avrebbero fatto progredire di un grado nella mia scala di analfabetismo di ritorno.

E vi assicuro che a volte il poter decifrare un漢字 può cambiare la vita… o almeno la qualità della nostra cena !

E sì, vivere in日本 [15] dal punto di vista linguistico non è certo una passeggiata, la comunicazione è ardua per tanti motivi e in primis perchè la lingua giapponese è per noi assolutamente incomprensibile quando arriviamo in terra nipponica digiuni dei suoi meccanismi, senza appigli e possibili riferimenti a lingue a noi conosciute, che siano la nostra o questo benedetto inglese che ci avevano venduto come la lingua passe par tout in tutto il mondo… 日本 escluso…

giappone4In fretta ci si rende conto che il fluent per l’inglese in日本 esiste rarissimamente e che oltre a non parlarlo l’inglese non lo scrivono neanche, al di là di[16]all’uscita della metropolitana. Per fortuna da diversi anni ormai nelle indicazioni a Tokyo accanto ai 漢字 appaiono le trascrizioni nel nostro alfabeto, il che rende almeno negli spostamenti la vita piu semplice. Ma東京 è per questo un po’ un eccezione, nel 日本  profondo puoi trovarti ad avere delle difficoltà per trovare l’ !!

Non è strano ritrovarsi al ristorante con di fronte una carta tutta in 日本語 [17], e non potendo non tanto chiedere ma quanto capire le spiegazioni sulle prelibatezze, incrociare le dita sperando anche questa volta di evitare la pelle di tofu (una delle poche cose che veramente non sono riuscita a mangiare).

Tanti sono stati i momenti negli anni passati nel paese del sol levante in cui mi sono sentita “persa” incapace di capire e di farmi capire, agli inizi è difficile, poi ci si abitua e a volte si riesce anche a sorridere dell’assurdo della situazione. E’ stato il caso per il mio corso  di « aggiornamento » per il rinnovo della patente di guida.

Ligia mi presento all’ufficio patenti, conscia anche del fatto che non sarebbe stata una giornatina di tutto riposo, così è stato.

In日本la patente è rinnovata ogni tre anni, per il rinnovo si viene sottoposti ad una simil visita medica e ad una specie di messa a punto delle conoscenze del codice della strada con particolare accanimento su tutto ciò che è atteggiamento deviante (leggasi alcol al volante). Dopo la visita medica, in cui ringrazi di aver almeno imparato a dire [18]e
[19],赤い[20]e
[21], … consegni la patente ed entri in una stanza con altri « studenti » e per tre ore sei sottoposto a lezioni, test e filmati…. Il tutto in日本語stretto, test compreso. Ho protestato, sperando in cuor mio che mi lasciassero andare via, invece nonostante non capissi niente sono stata lì seduta a sentire la lezione… per tre ore, lunghissime (ammetto che ho anche cercato di tirar fuori le mie tecniche da studentessa liceale, quando per non annoiarmi durante i noiosissimi corsi di storia leggevo di nascosto un libro… purtroppo i giapponesi controllano passando tra i banchi più di quanto facesse la mia insegnante di storia!!).

giappone5 giappone3

Situazioni come questa a posteriori fanno sorridere, ma quando ci si trova in mezzo, incapaci di capire si sorride un po’ meno, soprattutto quando la comunicazione  è assolutamente necessaria : è stato il caso della mia prima, ed unica, visita al commissariato di quartiere… forse la volte in cui mi sono sentita più in difficoltà. Una delle mie bambine al mattino andando a scuola era stata percossa con la sua bicicletta da un automobilista che non si era fermato sulle strisce per farla passare… .

Un po’ di spavento , un giro all’ospedale per un accertamento, e qui la mancanza di comunicazione è stata totale, due ore passate a non capire niente finchè finalmente il medico che leggeva le radiografie in un inglese approssimativo mi ha fatto capire che tutto andava bene.  A questo punto non contenta dello sforzo sovrumano fatto per farmi capire in ospedale, ho pensato bene di andare a depositare la mia dencnia al commissariato di zona : che idea ! Fortunatamente dopo infruttuosi tentative di comunicazione, via telefono un collega日本人[22]di mio marito ha fatto da tramite tra me e i poliziotti. Sono uscita rabbiosa, pronta a fare i bagagli e partire, stufa di non capire e di non farmi capire… erano anche i primi tempi del nostro soggiorno giapponese.

giapponeLa comunicazione in 日本non è comunque solo difficile dal punto di vista prettamente linguistico, il nostro modo di muoverci, di interagire con gli altri, di porci rispetto agli altri è completamente diverso da quello dei日本人, e in questo sta anche la difficoltà  nel farci capire e nel sentirci integrati. Noi occidentali siamo rumorosi, parliamo con il corpo, amiamo il contatto, i日本人sono discreti, distaccati, molto pudici nelle espressioni pubbliche… non facile adeguarsi e cercare di essere discreti nel mondo che ci ospita. Il grande sforzo dobbiamo farlo noi, adattarci a dei codici di comunicazione che non sono i nostri, ai quail non siamo abituati e che stravolgono completamente le nostre abitudini nel porci in relazione con gli altri, ritorniamo bambini nel nostro sforzo per adeguarci al nuovo modo di agire così come ritorniamo bambini con il nostro vocabolario limitato e il nostro non–accesso alla scrittura (almeno agli inizi!).

Comunque tutto si supera… e per questo dal 日本語sono passata al தமிழ[23] ancor più convinta che questa volta in terra indiana problemi di comunicazione non ce ne sarebbero stati, mi sbagliavo di grosso, nell’anglofona India solo il 5% della popolazione parla inglese, of course…

Giuliettaexpat
St Germain en Laye, Francia
Febbraio 2010


[1] Daikon : grossa rapa allungata

[2] edaname : soya verde

[3] Shiitake : funghi neri giapponesi

[4] Mirin : sorta di sake dolce da cucina

[5] Shiso : specie di basilico giapponese

[6] shoyu: salsa di soya

[7] komugiko : farina bianca

[8] in Giappone si contano gli anni utilizzando l’era dell’imperatore , attualmente siamo nell’era di Akihito e nell’anno 24 della sua intronizzazione

[9] sato : zucchero

[10] pesce con carne rossa tipo maguro : tonno

[11] pesce con carne bianca tipo tai : branzino

[12] tamago : uova

[13] Tokyo

[14] kanji : caratteri cinesi usati nella scrittura giapponese insieme all’alfabeto sillabico, hiragana.

[15] Giappone

[16] uscita

[17] giapponese

[18] migi :destra

[19] hidari :sinistra

[20] akai : rosso

[21] midori : verde

[22] nihonjin : giapponese

[23] tamil : lingua ufficiale del Tamil Nadu, regione del sud est dell’India, parlata anche in Sri Lanka e a Singapore

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 13 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.