Home > Europa > Romania > Il Cimitero degli Eroi della Rivoluzione a Bucarest
cimitero eroi della rivoluzione

Oltre ad essere una carissima amica di Expatclic, Ursula è una grandissima conoscitrice della storia e della cultura rumena, e una bravissima guida turistica. Per il nostro tema del mese, Cimiteri e Riti Funebri nel Mondo, ci porta nel Cimitero degli Eroi della Rivoluzione. Grazie Ursula!

 

Ai primi di novembre del 1989, pochi giorni dopo la caduta del muro di Berlino, a Bucarest alcuni studenti protestano contro il governo e chiedono riforme in vista del XIV Congresso del Partito Comunista.

Al Congresso Ceauşescu viene riconfermato per altri quattro anni, nessun cambiamento.

Il 16 dicembre le proteste esplodono a Timisoara, ma Ceauşescu, dopo aver consultato le più alte cariche dello stato e deciso che non c’è una minaccia imminente, sceglie di partire lo stesso, il 18 dicembre, per una visita programmata in Iran. Il 20 torna e convoca la popolazione di Bucarest di fronte al palazzo del Comitato Centrale, oggi Piaţa Revoluţiei, dove fa quello che sarà il suo ultimo discorso pubblico.

La gente rimane indifferente alle promesse, anzi scoppiano dei tumulti, Ceauşescu, che penosamente cerca di riportare la calma, alla fine viene fatto allontanare dal balcone, con lui ci sono la moglie, generali e ministri.

La repressione inizia verso sera, quando molta gente è ormai uscita in strada per sostenere la protesta, forze dell’esercito e agenti della Securitate in borghese sparano sulla folla in varie parti della città, i carri armati sparano sugli edifici, scoppiano incendi, alcuni restano schiacciati da veicoli militari.

Alla fine della notte si contano 50 morti, 462 feriti e 1,245 arrestati.

Il 22 dicembre a mezzogiorno Nicolae e Elena Ceausescu fuggono in elicottero dal tetto del Comitato Centrale dove hanno passato le ultime 48 ore. Dopo varie peripezie e un falso atterraggio di emergenza, vengono arrestati, processati e condannati a morte.

Il 25 alle 14.50 vengono fucilati.

In tutto il paese, durante il periodo della “revolutie”, sono morte in totale 1,104 persone e 3,321 sono stati i feriti.

Questo cimitero è dedicato ai caduti nei giorni della Rivoluzione.

 

cimitero eroi rivoluzione

“Torna a casa Gabi, per le tue amate figlie che sono piccole e non capiscono che morirai. Non ti dimenticheremo mai, Flori, Madalina, Dana e Iulia”

 

cimitero eroi rivoluzione

“Violeta, quando sei uscita di casa, ti ho pregato di non andare per timore che un proiettile ti colpisse. Ma tu hai risposto che non volevi pentirti di non aver combattuto. Sei uscita, hai combattuto, ma non uno, ben dieci proiettili hanno posto fine alla tua vita e hai lasciato i tuoi genitori, che non ti dimenticheranno mai, nel dolore.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ursula Fait
Bucarest, Romania
Febbraio 2022
Tutte le foto ©UrsulaFait
(Visited 114 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 17 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione, anche se piccola. Grazie di cuore.
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Annalisa Malaguti
Annalisa Malaguti
3 mesi fa

Che dire. Molto duro, molto efficace, molto ben scritto. Coltivare la memoria e’ un dovere per non dimenticare mai chi ha combattuto per darci un mondo migliore e un invito a restare umani. Grazie Ursula