Home > Scuola > Scuola all’estero, una sfida continua
scuola all'estero

In quindici anni di lavoro in supporto a famiglie espatriate in tutto il mondo, possiamo affermare con sicurezza che la scelta della scuola all’estero, e tutto quello che ruota intorno all’istruzione dei nostri bimbi expat, è uno dei temi più delicati nell’espatrio famigliare. Con questo articolo vogliamo fornirvi una sorta di “quadro d’orientamento” per muovervi tra la ricchezza di articoli e testimonianze che Expatclic ha raccolto nel corso degli anni.

 

La scuola è un momento fondamentale nella formazione della persona, e quando bisogna mandare i nostri figli e figlie a scuola all’estero, le ansie si moltiplicano perché usciamo dalla zona di comfort costituita dalla familiarità con le nostre consuetudini culturali.

Paese che vai, approccio educativo che trovi. Approccio che di solito arrivi a conoscere solo sulla pelle del tuo bambino, sul quale magari poi ti troverai a dover correggere la scelta e raddrizzare il tiro.

Scelta che peraltro, più si va avanti con l’età delle figlie, più si complica per via della vasta offerta di sistemi differenti oggi presenti nella maggior parte di paesi al mondo. Decidere a che scuola mandare i nostri figli è innanzitutto una scelta di valori. Fermo restando che la preparazione generale è molto importante, non sottovalutiamo certo la forma mentale, l’attitudine della scuola verso la vita e il futuro delle nostre figlie, nonché i metodi e le motivazioni dietro alle scelte di tutto il personale scolastico, che hanno un impatto diretto sul modo in cui i nostri figli imparano a rapportarsi con il mondo esterno.

Elena ha parlato molto bene di tutto ciò in questo articolo in cui dibatte sulla scuola perfetta.

scuola all'esteroLa scelta della scuola all’estero, però, spesso è dettata da questioni molto pratiche. Prima fra tutte la continuità. Ci sono sistemi e indirizzi scolastici che si ritrovano molto facilmente nella maggior parte dei paesi al mondo. Non è un caso che moltissime famiglie espatriate scelgano il sistema francese, uno dei pochi ad essere così capillarmente rappresentato al mondo. Ne ha parlato Claudiaexpat qui. Non si è mai pentita della scelta fatta per i suoi figli: pur con alcune pecche, il sistema scolastico francese ha preparato molto bene i suoi ragazzi al proseguimento degli studi (uno ha fatto l’università in Francia, l’altro in Inghilterra).

scuola all'esteroL’altra scelta più comune a molte famiglie espatriate è un sistema scolastico internazionale, basato su curriculum inglesi, americani, o misti. L’International Baccalaureate, di cui Silvia ci ha parlato qui, è sempre più diffuso e calzante con la realtà dei nostri figli espatriati.

C’è anche la possibilità, laddove il sistema locale corrisponda a tutta una serie di criteri e sia linguisticamente fruibile, di usare le scuole offerte dal nostro paese d’accoglienza. Questa decisione sarà naturalmente influenzata da molti fattori relativi alla situazione di ogni famiglia, non ultima la durata del periodo che si trascorrerà in loco. Come esempio, il sistema scolastico australiano o quello americano possono costituire valide alternative nella scelta della scuola all’estero se si espatria in quelle zone.

Certo, in questo caso il problema della lingua non si pone, mentre potrebbe invece essere un ostacolo nel caso in cui si espatri in Olanda e si scelga il sistema scolastico locale.

Al di là di tutto, però, la grossa preoccupazione per le famiglie italiane è l’eventuale rientro nel sistema scolastico italiano, o l’integrazione dei propri figli e figlie all’università italiana dopo un periodo più o meno lungo di scuola all’estero.

Purtroppo la scuola italiana è presente solo in pochi paesi al mondo (qui trovate la lista), ma scegliere un sistema diverso dall’italiano non è più un problema. In questo articolo, aggiornato molto di recente, Cinzia, insegnante italiana che ha lavorato sia all’estero che in patria, spiega molto bene cosa fare per mantenere le figlie allineate con il sistema scolastico italiano.

Per concludere, vi segnaliamo un articolo di Elena sull’Homeschooling, pratica che si diffonde sempre più spesso.

Se avete notizie, informazioni, dati o interessanti esperienze di scuola all’estero da condividere, per favore fatecelo sapere!

 

Il team di Expatclic
Maggio 2019

 

(Visited 191 times, 1 visits today)

Già che sei qui ...

... possiamo chiederti di offrirci un caffe ? Scherziamo, naturalmente, ma fino a un certo punto. Come forse avrai notato, Expatclic non ha  pubblicità nè quote associative obbligatorie. Da 14 anni lavoriamo volontariamente per garantire dei contenuti e un'assistenza di qualità alle espatriate in tutto il mondo. Mantenere un sito di queste dimensioni, però, ha dei costi, che copriamo parzialmente autotassandoci e con donazioni spontanee di chi ci segue e apprezza da anni. Se tu potessi dare anche solo un piccolo contributo per coprire il resto, ti saremmo immensamente grate ♥ Puoi sostenerci con una donazione o diventando socia onoraria. Grazie di cuore.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*